Il Sindaco Gaetano Scullino invita nuovamente i cittadini di Ventimiglia alla massima prudenza. Prescindendo dal colore della zona attribuita alla Liguria, ora Arancione, resta la sua preoccupazione per l’andamento al rialzo dei cittadini ventimigliesi risultati positivi al covid e di quelli sottoposti a sorveglianza, cioè in quarantena perché a contatto con soggetti positivi. Il dato che ha destato preoccupazione è quello rilevato negli ultimi 4 giorni di novembre sulla base del rendiconto comunicato dall’ASL1. Solo dal 6 al 9 novembre i positivi al Covid sono aumentati in Ventimiglia di 40 unità e i soggetti sorvegliati sono stati +181.

Più in generale, comunica il Sindaco Scullino, sempre dai dati ricevuti dall’ASL1, nel mese di ottobre i positivi sono stati 193 e quelli in quarantena 741. Preoccupa molto quindi la risalita della curva dei contagi nel territorio di Ventimiglia e quindi le restrizioni che partono oggi che limitano gli spostamenti da un comune all’altro potranno far capire l’origine e la portata del focolaio. Spiace, conclude il sindaco, per la chiusura dei bar e della ristorazione, ma pare necessaria e se chiusura deve esserci certamente meglio in novembre che sotto Natale. Rimangono aperte le altre attività commerciali, con mascherina e mantenendo le distanze interpersonali, e l’apporto e consegna a domicilio per la ristorazione.