“Abbiamo ottenuto il taglio del costo del lavoro con l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali per l’agricoltura e la pesca, protratto alla fine dell’anno, importante per sostenere le imprese agricole ed ittiche del territorio, colpite a cascata dalle chiusure della ristorazione”. È quanto affermano il presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa, nel commentare lo stanziamento di ulteriori 340 milioni di euro con il Decreto Ristori bis approvato dal Consiglio dei Ministri per garantire, anche per il mese di dicembre, l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali delle imprese, operanti su tutto il territorio nazionale e appartenenti alle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura.

“Si tratta di una misura importante di fronte agli effetti della chiusura, serale, delle attività di ristorazione, (in tale fascia resta solo la possibilità d’asporto) – concludono Boeri e Rivarossa – che si fanno sentire a cascata sull’intera filiera agroalimentare, con la riduzione degli ordini per le forniture di molte produzioni locali, dal vino alla birra, dalla carne al pesce, dalla frutta alla verdura, dai salumi ai formaggi di alta qualità, eccellenze che trovano nel consumo fuori casa un importante mercato di sbocco”.