Alberto Muraglia, il vigile in mutande che timbrava e tornava a casa, nel mercato di Sanremo, finito sotto inchiesta nell’indagine della Finanza sui furbetti del cartellino, è stato assolto con rito abbreviato durante l’udienza preliminare. E’ grazie a una disposizione del comandante della municipale, secondo cui il custode doveva timbrare dopo aver aperto il mercato e in abiti borghesi, che Muraglia è stato assolto dal gup “perché il fatto non sussiste”.