Ad Albenga (Savona) un 78enne ha tentato di uccidere la badante russa di 46 anni, ferendola con due colpi di pistola e poi si è ucciso. L’uomo in cura per un ictus, soffriva di una sindrome persecutoria al punto di temere che la badante lo volesse avvelenare. Il 78enne, che aveva due pistole regolarmente denunciate, avrebbe tentato di uccidere la donna che i parenti dell’uomo avevano incaricato di accudirlo. Un proiettile ha ferito la donna ad una mano mentre un altro l’ha raggiunta al torace ma è stato bloccato dal ferretto del corpetto.