Un’importante attività di indagine svolta congiuntamente dai militari della Guardia Costiera e dal personale del Commissariato di Sanremo ha permesso di individuare e deferire all’Autorità Giudiziaria il responsabile del furto aggravato di prodotto ittico avvenuto di recente a bordo di un’unità da pesca ormeggiata nello scalo matuziano.
A seguito di alcune denunce ricevute dal personale delle Forze dell’Ordine e dai militari del locale Ufficio Circondariale Marittimo inerenti episodi di furti di prodotti ittici ed apparecchiature di bordo delle unità da pesca ormeggiate nel porto di Sanremo, già dallo scorso mese di novembre i due Comandi avevano incrementato l’attività di vigilanza in porto, avviando indagini congiunte per individuare il responsabile.
Una complessa operazione che, condotta nello spirito della quotidiana sinergia istituzionale, grazie all’ausilio del sistema comunale di videosorveglianza, ha consentito di estrapolare, per uno degli episodi denunciati, un’intera sequenza di immagini e video che ha permesso di ricostruire la dinamica del furto di più partite di prodotto ittico conservate nella cella frigo di bordo di un’unità da pesca ormeggiata presso la banchina “Buldrini” del porto vecchio di Sanremo.
L’uomo, S.S., 32enne sanremese già noto alle Forze dell’Ordine, il giorno in cui è stato compiuto il furto si è recato, nel tardo pomeriggio, a bordo dell’imbarcazione accedendo, dal boccaporto di prua, alla cella frigo dove era custodito il pescato. Prelevata la refurtiva, l’uomo è sbarcato dall’unità da pesca e, salito rapidamente a bordo del proprio ciclomotore, parcheggiato nelle vicinanze dell’imbarcazione, si è allontanato dall’area portuale.
Sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Imperia, il personale del Commissariato ed i militari della Guardia Costiera hanno quindi eseguito una perquisizione presso l’abitazione del sospettato, rinvevendo, all’interno dei locali, gli indumenti utilizzati dall’uomo nel compimento delle attività illecite, immediatamente sottoposti a sequestro.