“Dopo l’approvazione in Commissione Affari Sociali, e’ pronta per l’esame finale dell’Aula della Camera la ‘Legge salvavita’: e’ un traguardo che mettera’ finalmente il nostro Paese nelle condizioni di evitare decine di migliaia di morti a causa di arresto cardiaco”: lo dichiara Giorgio Mule’, deputato di Forza Italia che e’ relatore e promotore della “Legge salvavita”. “Ogni anno sono oltre 70mila i decessi in Italia a causa dell’arresto cardiaco: molti di questi si potranno evitare grazie alla ‘Legge salvavita’ che introduce la presenza dei defibrillatori automatici esterni (Dae) in numerosi luoghi. Cominceremo da scuole, palestre e universita’, contemporaneamente i Dae saranno negli aeroporti, nelle stazioni, negli uffici postali e poi anche su treni, aerei e navi. Non solo. Entro il 2025 tutte le pubbliche amministrazioni e i gestori di pubblici servizi dovranno dotarsi dei defibrillatori. Ma il piano di incentivazione – prosegue Mule’ – prevede che i Dae siano presenti anche nei condomini, negli alberghi, nei supermercati, nei centri commerciali. Tutti i cittadini potranno usarli perche’ e’ semplicissimo e assolutamente al riparo da conseguenze (la legge solleva anche da qualsiasi responsabilita’ penale chi utilizza i Dae): chi non ha avuto la formazione apposita bastera’ che chiami il 118 seguendo le indicazioni dell’operatore. Nascera’ tra l’altro un’applicazione nazionale a disposizione delle centrali del 118 per la geolocalizzazione sia dei Dae che dei soccorritori piu’ vicini in grado di intervenire”. “Sono profondamente orgoglioso – conclude – che, grazie al mio impulso e a quello di tutto il gruppo alla Camera di Forza Italia la ‘Legge salvavita’ abbia avuto un iter rapido e soprattutto che abbia incontrato in tutte le altre forze politiche rappresentate in Parlamento un convinto sostegno con suggerimenti preziosi”