Gli agenti del Commissariato di Sanremo hanno arrestato un tunisino di 37 anni, M.R., autore di un violento pestaggio commesso alcuni mesi fa nel pieno centro cittadino insieme ad altri due connazionali, tra cui uno minorenne, ai danni di un marocchino di 27 anni.
Nella circostanza, la vittima era stata avvicinata dai tre tunisini in via Mameli e, dopo un iniziale diverbio, la situazione era degenerata arrivando allo scontro dei soggetti con pugni, calci e colpi di bottiglia. I tre aggressori avevano continuato a picchiare selvaggiamente il marocchino anche dopo avergli provocato lesioni che lo avevano costretto a terra tramortito.
Come è stato successivamente ricostruito dalla polizia, in un secondo momento della serata la vittima del pestaggio era stata nuovamente accerchiata dagli stessi soggetti in via Palazzo e in questa circostanza il tunisino M.R. lo aveva ferito con un coltello provocandogli uno sfregio al viso.
Gli agenti intervenuti sul posto avevano trovato il marocchino privo di sensi. Lo stesso aveva riportato la frattura di due costole, un trauma cranico, lesioni ed ematomi in varie parti del corpo e uno sfregio alla guancia sinistra, venendo giudicato guaribile in 30 giorni.
I 3 tunisini sono stati indagati per tentato omicidio in concorso e il Gip di Imperia, su richiesta del Pubblico Ministero, ha disposto la misura cautelare della custodia in carcere, in considerazione dei rispettivi pregiudizi penali, nonché del pericolo di fuga e di recidiva.
Il minorenne è stato denunciato al Tribunale dei Minori, M.R. è stato tratto in arresto nei giorni scorsi, mentre l’altro era stato nel frattempo accompagnato presso il CPR di Caltanissetta in esecuzione di un precedente ordine di espulsione emesso nei suoi confronti.