Il coordinatore regionale della Uilpa Polizia penitenziaria Fabio Pagani segnala come ieri pomeriggio in carcere a Sanremo un detenuto si sia procurato delle profonde ferite, tramite una lametta, facendo schizzare il sangue addosso ai poliziotti che erano intervenuti. I due poliziotti sono stati trasferiti in stato di shock all’ospedale Borea di Sanremo per l’avvio della profilassi. Ricoverato anche il detenuto per le ferite che si è autoinferto.

Ancora una volta la Polizia Penitenziaria di Sanremo è protagonista di aggressioni e comportamenti ostativi da parte dei detenuti della C.R. di Sanremo.
Il clima rovente di questi giorni –annuncia il SAPPe il maggiore sindacato di categoria per voce del segretario LORENZO – sta determinando non pochi problemi alla polizia penitenziaria di Sanremo la quale deve fronteggiare quotidiane aggressioni da parte dei detenuti.
In data 28 giugno i detenuti di un reparto si sono rifiutati di far rientro dai cortili passeggi, la forma di protesta parrebbe essere originata da non ben chiare richieste di benefici che non potrebbero essere accettate. Solo dopo lunghe trattative i circa 30 detenuti, hanno desistito dalla loro protesta facendo rientro nelle loro celle, nel frattempo, però, il sistema allarme del carcere era scattato con l’intervento di un cospicuo numero di agenti e del comandante al fine di fronteggiare una probabile forma di protesta violenta come quella già avvenuta alcuni mesi or sono, ma grazie alla buona dote persuasiva della Polizia Penitenziaria, il tutto è ritornato alla normalità.
Ma, purtroppo oggi 29 giugno, ancora una protesta ha fustellato di negatività il lavoro del personale della Polizia Penitenziaria di Sanremo. un detenuto nord africano già noto per comportamenti determinati da problemi psichiatrici, sempre per protesta in quanto non voleva far rientro nella propria cella, si è procurato dei tagli lanciando il sangue contro gli agenti di turno i quali sono stati costretti alle cure e relativa profilassi presso l’ospedale di Sanremo perché raggiunti al volto dal sangue del detenuto.
L’episodio riporta alla ribalta la questione della sicurezza nelle carceri liguri che se da un verso non può fare a meno della Polizia Penitenziaria dall’altro è indispensabile potenziare l’attività della Polizia Penitenziaria mediante una dotazione maggiore di personale all’interno delle carceri liguri. La questione Polizia Penitenziaria-Carceri Liguri è nota a tutti – afferma LORENZO – tutti sanno, perché da me informati, ma nessuno osa intervenire.
Il Sappe denuncia anche l’assenza di esperti psichiatri all’interno della carceri liguri, professionisti questi indispensabili ma per lo più assenti in Liguria e di questo se ne deve fare carico l’assessore alla sanità Sonia VIALE che ne ha competenza.
Con l’accorpamento del Provveditorato della Liguria a quello del Piemonte, la Liguria ha perso la sua autonomia ed è costretta a soccombere a scelte infelici come quella di assenza di direttori e comandanti nelle carceri liguri, (sono presenti in Liguria solo 4 direttori su 6 istituti) ricorda il SAPPE della Liguria che l’istituto di San Remo, con i suoi circa 280 detenuti presenti, non abbia un direttore e comandante in sede fissa ma questi provengono, per due o tre giorni alla settimana, dalla vicina Imperia: inoltre nessun interesse perviene per la costruzione del nuovo carcere di Savona, utile quanto indispensabile per il sovraffollamento carcerario ligure, ma l’assurdo è che anche il macro Provveditorato della Liguria, Piemonte e Val d’Aosta a breve sarà privato del suo massimo vertice in quanto chiamato in altri incarichi e il tutto sarà gestito SOLO per due giorni alla settimana dalla Lombardia. Non è accettabile questo abbandono e, afferma LORENZO, Non è questo il migliore segnale di efficienza che il Ministro della Giustizia Bonafede potesse mai emanare in un momento di elevata criticità penitenziaria come questo.
Anche sul fronte del benessere del personale si riscontrano gravi deficienze come, ad esempio, i posti di servizio della Polizia Penitenziaria non sono dotati di un banale ventilatore benché le temperature, esterne ed interne, siano elevate.

Sappe Liguria