L’attività della Polizia di Stato in materia di rimpatri ed allontanamenti di persone irregolari e pericolose per la sicurezza pubblica prosegue con costanza.

Anche questa settimana i posti di controllo effettuati dalle Squadre Volanti della polizia hanno consentito di individuare alcuni soggetti privi dei requisiti richiesti dalla legge per il soggiorno sul nostro territorio.

Gli stranieri irregolari sono stati accompagnati negli Uffici della Questura, ove l’Ufficio Immigrazione, ha verificato le loro posizioni.

Nei confronti di due giovani della Moldavia sprovvisti dei documenti e dei titoli di soggiorno, si è proceduto con il provvedimento di espulsione dal territorio.
In esecuzione dello stesso, il Questore di Imperia ha emanato un ordine di accompagnamento alla frontiera e nella giornata di ieri i due stranieri irregolari sono stati accompagnati all’aeroporto di Torino per essere imbarcati sul volo diretto a Chisinau, capitale della Repubblica della Moldavia.

Una vicenda più delicata ha riguardato invece una donna peruviana, la quale, a seguito di un decreto di espulsione con accompagnamento alla frontiera e in attesa di esecuzione dello stesso, non ottemperava all’obbligo di firma impostole e si rendeva irreperibile.
La straniera si è ripresentata poi nei giorni scorsi all’Ufficio Immigrazione per depositare una richiesta di protezione internazionale, dietro suggerimento di un avvocato.
Premesso che la Polizia di Stato è competente solo a ricevere le domande di protezione internazionale, essendo rimessa la decisione nel merito ad una commissione ad hoc, tuttavia la storia della donna, che ha affermato di essere partita dalla città di Lima solo perché “in Perù non guadagno molto”, ha indotto a ritenere che la sua richiesta fosse solo strumentale ad evitare l’espulsione. Per chiarire la sua posizione, si è proceduto al suo trasferimento al CPR di Roma, dove il Tribunale ha convalidato il provvedimento ritenendo sussistente un concreto pericolo di fuga della donna in ragione della strumentalità della sua richiesta.