Attesa prima presentazione ufficiale – fissata per Sabato 4 Maggio alle ore 17 presso la Biblioteca di Ventimiglia in Piazza Bassi 1 – per il nuovo libro di Renato Bergonzi dal titolo intrigante e curioso: “Storie di orti, funerali e comunisti” pubblicato da Cicorivolta Edizioni.
A dialogare con l’autore, già dirigente dei comuni di Ventimiglia e Sanremo nei settori Turismo e Cultura e Servizi Sociali, sarà Diego Marangon, regista di Liber Theatrum e sino a pochi mesi fa contitolare, nella città di confine, della storica libreria Casella che a fine anno 2018 ha cessato definitivamente la sua attività.
Un libro malinconico, quasi nostalgico, quello di Bergonzi, il cui protagonista è Attilio, figlio di un padre partigiano e contadino, da cui ha ricevuto come insegnamenti costanti ed eredità finale, l’amore per la terra e la passione di Partito, quella che un tempo produceva e trasmetteva imprescindibili valori morali e principi etici, ma soprattutto in patrimonio un ideale. Ma i tempi sono cambiati, cambiano e ancora cambieranno e forte è la difficoltà, quasi il disagio a continuare a convivere con la nuova realtà in costante divenire ed evoluzione. Una realtà in cui il protagonista non si ritrova più, ma in cui sarà necessario cercare nuove visioni e sfumature per una nuova visione della vita, fatta di cose semplici, vere e genuine.
Il nuovo lavoro di Bergonzi arriva dopo “La luce su in paese” vincitore del Premio nazionale “Parole di Terra” e fa seguito a ‘Dolce non è’ e ‘Nulla sanno’ titolo, quest’ultimo, con cui aveva debuttato nella narrativa.

INFO: 338 6273449