Entro il 31 gennaio 2019 le case di riposo e le residenze sanitarie assistenziali della Liguria dovranno dotarsi di un sistema di videosorveglianza. Il progetto mira a tutelare gli ospiti degli istituti contro eventuali atti di violenza (come alla Borea di Sanremo o al Cicalotto di Pornassio), ma anche i dipendenti. Le telecamere dovranno essere posizionate negli spazi comuni; per quanto riguarda le camere, servirà l’autorizzazione dei pazienti, dei familiari o dei loro tutori, come scrive Paolo Isaia su “Il Secolo XIX”.