Lunedì 10 settembre il nucleo di Port State Control della Capitaneria di Porto di Savona, contattato dalla Capitaneria di Porto di Imperia, specializzato in controlli a bordo di navi straniere volti alla tutela della sicurezza della navigazione e dell’ambiente marino, ha sottoposto a fermo amministrativo una nave di bananiera maltese, di circa 32 metri di lunghezza, ormeggiata all’interno del porto turistico di Imperia.
Infatti, nell’ambito del sistema ispettivo previsto da un accordo internazionale tra Stati, siglato a Parigi nel 1982 in materia di sicurezza della navigazione, è stato effettuato un controllo a bordo del Motor Yacht il quale a seguito di numerose irregolarità è stato sottoposto a procedura di detenzione, implicante il divieto di lasciare il porto fino alla risoluzione delle stesse e sentito al riguardo l’ispettore Port State Control.
Le irregolarità sono relative ai profili di arruolamento dell’equipaggio, al funzionamento di impianti di bordo relativi alla prevenzione di inquinamento da idrocarburi nonché al posizionamento a bordo delle dotazioni di salvataggio in modo tale da non poter essere utilmente impiegabili in caso di emergenza.
L’unità rimarrà ferma in porto fino a quando non avrà ottemperato alle prescrizioni impartite.