“Noi come Bordighera Vince e io personalmente abbiamo richiesto, anzi preteso, per tutti i nostri candidati il rilascio del casellario giudiziale e per tutti i candidati è risultato nullo. Inoltre, tutti i candidati hanno sottoscritto il codice di autoregolamentazione predisposto dall’associazione nazionale antimafia: questa documentazione, il giorno stesso del deposito delle firme e della lista è stata inviata a mezzo PEC al prefetto di Imperia.
Siamo partiti mettendo al primo posto la legalità. In relazione a quella che è la posizione del candidato ripreso nel blog “La casa della legalità”, ritengo di non voler entrare in quelle che sono vicende personali. Al momento non prendo nessun provvedimento poiché appunto le ritengo vicende personali”
Vincenzo Ingenito, sindaco di Bordighera