Cinque mila euro ma anche un’autoradio e elettrodomestici in cucina. Sono questi i benefit che, secondo fonti investigative, il dirigente dell’Asl 5 Spezia Massimo Buccheri avrebbe ottenuto per spingere alcuni appaltatori a rifornirsi da aziende amiche dietro la minaccia di ritardare i pagamenti o contestare i lavori. Buccheri, due dirigenti e un rappresentante di una nota multinazionale specialista in apparecchiature ospedaliere sono stati arrestati dalla Finanza della Spezia in una vasta operazione di contrasto alla turbativa d’asta. Eseguite anche 7 ordinanze di custodia ai domiciliari, tra cui una a carico dell’ex consigliere regionale Luigi Morgillo, 65 anni, titolare di una azienda di certificazione di efficienza energetica.