Ventimiglia| In seguito alle segnalazioni dei Vigili del Fuoco il comando di Polizia Locale della città di confine sta portando avanti Un indagine per violazione dell’ordinanza che vietava il transito nel guado del Bevera autorizzato per i soli mezzi delle ditte operanti nella zona. La polizia Locale sta procedendo alle verifiche e gli imprenditori sono indagati. La questione non ha mancato di far discutere la città ecco le parole dell’imprenditore Riccardo Bosio apparse su Facebook

non posso che esternare la mia più profonda indignazione per il fatto che sono stati penalmente indagati 6 imprese della nostra zona per il guado sul Torrente Bevera .Non è più tollerabile che chi con onestà e determinazione ogni giorno, tra mille difficoltà, cerca di portare avanti la propria impresa , dipanandosi nella giungla di norme burocratiche e fiscali, debba essere criminalizzato per aver messo in atto una soluzione provvisoria che sopperisce alla totale assenza da parte della Pubblica Amministrazione nell’affrontare l’emergenza prodotta dal crollo del ponte sul Bevera .La nostra Associazione si schiera apertamente e con determinazione a fianco dei 6 imprenditori impegnandosi a promuovere tutte le iniziative che si riterranno opportune per la loro difesa .Nei prossimi giorni chiederemo a tutte le Forze politiche la convocazione di un Consiglio Comunale straordinario che oltre che esprimere la solidarietà di tutta la cittadinanza agli imprenditori indagati faccia il punto sulla questione del ponte .