È accusato di avere continuato a percepire l’assegno sociale dell’Inps nonostante si fosse trasferito da Imperia alla Francia. Un presunto raggiro che Antonio Corrieri, 79 anni, avrebbe attuato per 6 anni, dal 2008 al 2015, incassando 56 mila euro.
Il reato è punito con una pena da 6 mesi a 3 anni. Per l’accusa l’uomo avrebbe omesso di comunicare all’Inps di essersi trasferito all’estero per continuare a ricevere l’assegno, come scrive Paolo Isaia sul “Secolo XIX”.