Cari concittadini,
molti di voi avranno certamente seguito a fine aprile la vicenda della chiusura del Cimitero Monumentale della Foce. Quel fatto, che aveva suscitato giustamente un’ondata di sdegno, non era che la punta dell’iceberg rappresentato dal ben più grande problema del recupero di quel luogo cosi caro a molti di noi per gli affetti personali che vi sono custoditi ad altri per il rispettabile patrimonio artistico che vi è contenuto.

C’è poi una particolarità che può dirsi la prerogativa più saliente del Monumentale: esso racchiude la storia di Sanremo scritta nel marmo dei sepolcri, la storia straordinaria di un borgo di pescatori e di agricoltori che in pochi decenni dell’800 ha saputo diventare l’elegante polo di attrazione della clientela più raffinata dell’intera Europa.

Ebbene quel patrimonio storico è in pericolo, lo sosteniamo da anni, per la trascuratezza di chi lo gestisce e che dovrebbe anzi assumersi l’impegno di recuperarne il valore, iniziativa di attualità in funzione del domani di questa città che dell’immagine culturale dovrebbe fare vessillo.

Il tema è vasto e le soluzioni non sono così facili, tuttavia noi del Coordinamento abbiamo sempre ritenuto essere possibili.

I disfattisti possono avanzare difficoltà di carattere economico insormontabili, ma, senza negare completamente questo problema, mi assumo la responsabilità di affermare che la carenza più seria è costituita dalla rassegnazione di cittadini ed amministratori di fronte a certi argomenti.

Per affrontare con un atteggiamento positivista e, perché no, idealista il groviglio di difficoltà che vorrebbero soffocare il futuro di quel luogo così caro e così importante, il Coordinamento organizza un incontro tra aderenti, simpatizzanti e concittadini, che si terrà la mattinata di
sabato 24 giugno, alle ore 10.30, nel Roof del Complesso ARISTON, sala 3
Alla riunione, che dovrebbe vedere la partecipazione di tutti i concittadini che hanno a cuore le sorti del “Foce” e quelle della Città, parteciperà il Sindaco di Sanremo, Alberto Biancheri, certamente consapevole del valore del tema.
L’incontro sarà moderato dal Professor Fulvio Cervini, docente di Storia dell’Arte presso l’Università di Firenze.
Compatibilmente con la disponibilità di tempo saranno ammessi in discussione quesiti posti per iscritto su appositi moduli che saranno rilasciati in loco.
Il successo dell’incontro sarà determinato dalle volontà che vi germoglieranno e sulla forza dell’opinione pubblica che vi sarà espressa soprattutto da una vigorosa presenza.
Arrivederci quindi al prossimo sabato
Mino Casabianca (Famija Sanremasca)