Presentata questa mattina a San Bartolomeo al Mare il Trofeo Pinocchio di Tiro con l’arco, finale nazionale dei Giochi della Gioventù, gara riservata a bambini e ragazzi dai 9 ai 13 anni, che si svolgerà nel Golfo dianese sabato 17 e domenica 18 giugno.

Il Sindaco di San Bartolomeo al Mare, Valerio Urso, nel ringraziare la Fitarco per la scelta, ha voluto elogiare il lavoro della Compagnia Arcieri: “Il merito è tutto loro – ha spiegato – che sanno rendere semplici anche le iniziative più difficili. Sono persone da valorizzare, con grande professionalità e grande amore per il nostro territorio. Questa iniziativa conferma il nostro interesse allo sviluppo del turismo sportivo e si inserisce nella nostra proposta di candidatura di San Bartolomeo al Mare a Città Europea dello sport per il 2019”.

“Siamo noi a dire grazie a San Bartolomeo al Mare – ha ribadito Mario Scarsella, presidente nazionale Fitarco, nonché Presidente della Federazione Europea e vice Presidente Vicario della Federazione Internazionale – per noi essere qui è motivo di orgoglio. Supportare lo sport è una delle cose più importanti. Voglio rivolgere i miei complimenti a tutti coloro che hanno lavorato per questa manifestazione, in particolare al Presidente della Compagnia Arcieri Roberto Heger e ai suoi collaboratori. Il Trofeo Pinocchio è la vetrina delle più giovani promesse nazionali, anche più importante dei Campionati Italiani e permetterà a San Bartolomeo una grande visibilità a livello nazionale e internazionale”.

Alla conferenza stampa erano presenti anche Enrico Rebagliati (Presidente Comitato Fitarco Liguria), Alessandro Zunino (Delegato provinciale Coni), Tullio Ardoino (fiduciario Coni per il Golfo Dianese), Cesare Prette (Delegato provinciale Fitarco presso Coni point Imperia), Roberto Heger (Presidente Compagnia Arcieri San Bartolomeo al Mare), Giuseppe Capalbo (segretario Compagnia Arcieri San Bartolomeo al Mare).

Ogni rappresentativa regionale del Trofeo Pinocchio è composta da giovani atleti delle scuole elementari e medie che si sono distinti nel corso delle eliminatorie provinciali e successivamente in quelle regionali, svolte sia in gare indoor che all’aperto, al termine delle quali i Comitati Regionali hanno composto la squadra titolare che può contare su un numero massimo di 12 componenti.