Due condomini hanno intentato una causa civile nei confronti della “Bianchi dal 1900 sas”, proprietaria dell’attico del grattacielo “Vittoria” distrutto da un incendio il 3 maggio. Rogo causato da una pentola dimenticata sul fuoco. La causa è stata promossa dal “Palazzo Vittoria” e dall’adiacente condominio “Bianchi”. Come scrive Paolo Isaia sul “Secolo XIX” il pm Paola Marrali, che coordina l’inchiesta per incendio colposo che vede indagato Colombo Bianchi (19enne figlio di Antonio, proprietario dell’immobile) sta per chiudere il fascicolo e ha disposto il dissequestro del grattacielo.