Il Comune di Bordighera e la Libreria Amico Libro di Bordighera invitano a partecipare alla conferenza di Alberto Guglielmi Manzoni, autore del saggio “Tedeschi in Riviera. La Sanremo di Federico III tra cure climatiche, mondanità e religiosità solidaristica” (Philobiblon Edizioni) che avrà luogo venerdì 28 aprile alle ore 17 presso la ex chiesa anglicana di Bordighera (in via Vittorio Veneto). Nel corso della conferenza verranno proiettate foto di Bordighera, Sanremo e di Berlino risalenti alla fine dell’Ottocento e immagini di Federico III in vari luoghi della Città dei Fiori.
Dalla seconda metà dell’Ottocento sino ai primi decenni del secolo successivo, l’estremo Ponente ligure è stato interessato da costanti e significative presenze di comunità forestiere: soprattutto inglesi, tedeschi e russi. Questi gruppi di stranieri hanno influito profondamente sul piano socio-economico ma anche su quello culturale, religioso e solidaristico della vita e della popolazione delle località di questo angolo di Liguria, e in un simile contesto si è attuata una formidabile sinergia tra persone di varie nazionalità e differenti credi religiosi in nome di comuni ideali e principi. Molti degli stranieri di fede protestante, giunti in Riviera dal centro e nord Europa, erano animati da un profondo desiderio di testimoniare il proprio credo attraverso un forte impegno sociale. L’azione esercitata da queste folte comunità forestiere ha contribuito a una progressiva trasformazione del volto e della fisionomia di Sanremo, destinata a diventare, nell’arco di pochi anni, una città cosmopolita. Fra le tante teste coronate e importanti esponenti dell’aristocrazia europea che tra Otto e Novecento soggiornarono a Sanremo vi fu anche Federico Guglielmo di Germania (1831-1888). Il saggio non vuole semplicemente ricordare un illustre personaggio della Germania, ma mira piuttosto a inserire e spiegare quella figura nell’articolato contesto di relazioni e dinamiche socio-economiche, culturali e religioso-solidaristiche che, in misura così rilevante e grazie all’apporto degli stranieri, hanno caratterizzato la Città dei Fiori e la Città delle Palme alla fine del secolo XIX.

Sull’Autore:
Nato e residente a Sanremo, si è laureato in Filosofia ed è orientatore. Lavora da anni preso il Centro per l’Impiego di Sanremo, occupandosi di lavoro e di orientamento professionale. Nel tempo libero tiene conferenze e scrive libri.
Nel 2015 è uscito il volume, curato da lui insieme a Daniela Gandolfi e ad Alessandro Carassale, Il Viaggio in Riviera. Presenze straniere nel Ponente ligure dal XVI al XX secolo (Philobiblon Edizioni).
Sempre nel 2015 ha pubblicato, per i tipi della Philobiblon Edizioni di Ventimiglia, Tedeschi in Riviera. La Sanremo di Federico III tra cure climatiche, mondanità e religiosità solidaristica. Ha tradotto dal tedesco all’italiano il volume di Albert Schweitzer Filosofia della civiltà (Fazi Editore, Roma 2014), all’interno della collana ‘Campo dei Fiori’ diretta, a suo tempo, dal teologo Vito Mancuso.
Nel 2011 ha pubblicato Pace e pericolo atomico. Le lettere tra Albert Schweitzer e Albert Einstein, che ha avuto la prefazione del noto giornalista e da ultimo consigliere dell’ex Capo dello Stato Giorgio Napolitano, Arrigo Levi.
Per quanto riguarda l’attività di conferenziere, merita ricordare che nel 2014, in occasione della Giornata della Memoria, ha tenuto, nella sala del Palazzo Borea d’Olmo di Sanremo, la conferenza: Donne contro Hitler e, sempre nel 2014, all’interno degli appuntamenti dell’UNITRE di Sanremo, la relazione: Donne messaggere di pace. Riflessioni su alcune donne vincitrici del Nobel per la Pace.