Michele Bravi, 22enne umbro, a soli 18 anni nel 2013 vinse “X Factor” con il brano “La vita e la felicità” scritto per lui da Tiziano Ferro e Zibba. Negli ultimi anni è diventato celebre soprattutto per la sua attività su YouTube e Twitter. A Sanremo è in gara per la prima volta in carriera con “Il diario degli errori”. Nella serata “Cover” ieri ha cantato il brano “La stagione dell’amore” di Franco Battiato. Il suo nuovo album “Anime di carta” uscirà il 24 febbraio è il frutto di un lavoro di circa due anni.

Ecco in sintesi le sue dichiarazioni
Mi ha fatto impressione vedere che la mia canzone di Sanremo su Twitter è finita tra i trend più seguiti dopo Lady Gaga. Dopo la vittoria nel talent, avevo bisogno di difendermi da tante cose. Ora canto in italiano e mi sento molto più libero di esprimere come sono in realtà, non ho modo di proteggermi. Non leggo i commenti negativi su di me, se no mi devo comprare un pacchetto dall’analista. Magari potessi partecipare all'”Eurovision Song Festival”, non rifiuterei mai un’opportunità simile. Mi basta comunque già Sanremo, meglio non puntare troppo in alto. Le critiche non mi condizionano più di tanto perchè penso che nessuno mi possa togliere la musica, me la voglio vivere più che posso. Ho pianto dopo la mia esibizione, ho condiviso il video su Facebook e la mattina dopo ho visto migliaia di condivisioni sui social. Uso tanto i social perchè ti permette di entrare in contatto con tante persone che vivono lontano da me. Mi piace che centinaia di migliaia di persone seguano ogni giorno sui social il mio lavoro e la mia vita. Il mondo della musica è un bagno di squali, quindi sono contento di avere un’amica vera in questo ambiente come Chiara. Voglio rendere una professione la mia grande passione per la musica. Sono felice che il mio brano sia già al 12° posto su Spotify.
La canzone che porto a Sanremo nasce da una bella amicizia con Federica Abbate. Ho vissuto un anno difficile sul piano sentimentale, un rapporto nel quale ho fatto molti sbagli. Per me è una responsabilità aver tanti fans sui social network. E’ come se salissi sul palco dell’Ariston assieme a tutte le persone che mi hanno sostenuto dopo la fine di “X Factor”. Ho cantato il brano di Battiato nella serata delle “Cover” perchè Battiato è un grandissimo artista, ma anche per comunicare all’Italia che sono single. Sono molto legato all’Umbria la mia terra di origine. In questa nuova esperienza a Sanremo ho sentito molto vicino a me i miei corregionali. Tanti dicono che sono miei cugini, ma io non ho cugini.