In occasione del Venerdì Santo, alla presenza del Direttore della Fondazione Rachele Zitomirski – Onlus, Mauro Vicenzi, del Direttore Sanitario Giorgio Augeri e della Caposervizio Roberta Pastorino, si è svolta, presso la RSA Casa Rachele di Vallecrosia, la Via Crucis.
S.E. Mons. Antonio Suetta ha voluto essere ancora una volta vicino alle strutture della Sua Diocesi, inviando, a tutte le residenze, un video contenente una speciale Via Crucis appositamente registrata.
La celebrazione ha avuto inizio con l’introduzione registrata dal Vescovo.
La Via Crucis è poi proseguita ripercorrendo tutte le stazioni che hanno portato Gesù alla croce. Molti dei presenti, in particolare gli Ospiti della struttura, ma anche gli operatori che li assistono quotidianamente con amorevole dedizione, sono intervenuti leggendo i commenti delle varie stazioni.
Particolarmente toccante il passo in cui il Cristo spira, sottolineato dalla visione del filmato di Papa Francesco durante la Via Crucis dello scorso anno in una Piazza San Pietro spettrale e deserta.
Al termine, dopo la benedizione del Vescovo, anche questa in video, gli Ospiti della RSA Casa Rachele e il personale in turno, hanno potuto vedere un’altra registrazione realizzata dalla Diocesi contenente gli auguri che il Mons. Suetta ha inviato a tutte le strutture residenziali per una Buona e Santa Pasqua.
In conclusione, i due operatori, appositamente autorizzati, hanno distribuito, come ogni settimana, la S. Comunione agli Ospiti.
È stato un momento molto toccante per la Casa. Molti Ospiti, infatti, portano la croce della malattia quotidianamente. Le persone a loro vicine come i famigliari e gli operatori, ogni giorno li sostengono cercando di alleviare, il più possibile, le loro sofferenze donandogli tutte le attenzioni e le cure di cui hanno bisogno. Ma soprattutto regalando ogni giorno un gesto, una parola di conforto, un sorriso: le migliori medicine che possano esserci.
Tutta la Via Crucis è stata trasmessa in diretta sulla pagina facebook della struttura “Casa Rachele Zitomirski” dove è possibile rivedere l’intero filmato.
Nonostante la pandemia e tutte le limitazioni che ha portato agli accessi alla struttura per garantire la salute e la sicurezza degli Ospiti, da qualche settimana, gli stessi riescono a riavere un contatto fisico con i propri famigliari attraverso la stanza degli abbracci. Modalità di incontro che sta riscuotendo un grande successo al punto che, durante l’ultima settimana, la struttura ha raddoppiato il turno delle animatrici per andare incontro alle molteplici richieste di incontro in occasione della Pasqua.