“Sarebbe opportuno che Salvatore raccontasse la verità ai cittadini e non la sua versione completamente sbagliata e lontanissima dalla realtà dei fatti: il ricorso non è stato fatto contro il bando ma contro l’esclusione del primo aggiudicatario”, l’assessore regionale ai Trasporti Gianni Berrino replica ad Alice Salvatore (Il Buonsenso) in merito ai ritardi relativi alla bigliettazione elettronica.

“Sia l’Anac prima che il Tar successivamente ci hanno dato ragione – prosegue l’assessore – Però siccome in Italia la giustizia amministrativa è composta da diversi gradi di giudizio siamo in attesa della sentenza del Consiglio di Stato del 2 luglio a seguito di un ricorso presentato. Naturalmente, come Salvatore ben sa anche se vuole confondere le idee ai cittadini, malgrado la gara sia partita tanto tempo fa non possiamo partire con la bigliettazione elettronica prima dell’aggiudicazione definitiva e prima che siano conclusi tutti i ricorsi”.

“Ovviamente sono dispiaciuto per questa situazione di stallo ma questo ritardo è dovuto ad un percorso giudiziario che chi è stato escluso ha deciso di compiere secondo le leggi italiane. Non tutti i ricorsi amministrativi vengono fatti per errori nel bando altrimenti nel caso specifico sarebbe stato impugnato quest’ultimo, cosa che invece non è stata fatta”, conclude Berrino.