Venerdì 14 dicembre alle 21 al Teatro Comunale di Ventimiglia, andrà in scena il monologo teatrale “Moi”, interpretato dalla nota attrice Lisa Galantini, con la regia di Alberto Giusta e realizzato dall’associazione culturale “Le rêve et la vie” in collaborazione con la Fondazione Luzzati – Teatro della Tosse di Genova.
Lo spettacolo, dedicato alla complessa e rivoluzionaria figura della scultrice Camille Claudel, è frutto delle ricerche appassionate dell’autrice Chiara Pasetti, studiosa di letteratura francese e critica letteraria del Sole 24 Ore, sulla vita di questa artista affascinante e geniale, internata dalla famiglia in ospedale psichiatrico e a lungo ricordata solo come allieva e amante del grande scultore Auguste Rodin o come sorella dello scrittore Paul Claudel.
Una vicenda struggente, di passione, talento e abbandono, che Chiara Pasetti delinea nel suo libro “Mademoiselle Camille Claudel e MOI”, che brevemente presenterà a introduzione dello spettacolo.
La serata, a ingresso libero, è promossa dall’Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Ventimiglia, in collaborazione con l’Associazione P.E.N.E.L.O.P.E. Donne del Ponente per le Pari Opportunità, come evento conclusivo del progetto “Interventi a contrasto della violenza di genere”, che ha permesso di realizzare a Ventimiglia lo Sportello d’aiuto per le vittime di violenza.
Tutta la cittadinanza è invitata a quest’appuntamento con “una donna fragile e straordinaria”, che non riusciremo più a dimenticare.