La Corte dei Conti di Genova ha condannato Fabio Renzi, 56 anni, titolare della farmacia di Prelà, a pagare all’Asl Imperiese 31.929 euro, di cui 11.929 euro per danni patrimoniali, e 20 mila euro per danni di immagine. Secondo l’indagine, nel 2014 aveva corretto le “ricette rosse” poi inviate all’Asl per percepire un rimborso superiore a quanto dovuto. Nel 2016, davanti al gup, il farmacista aveva patteggiato una condanna a un anno e 4 mesi, con sospensione della pena, come scrive Paolo Isaia su “Il Secolo XIX”.