Il Questore di Imperia, Cesare Capocasa, lo aveva ribadito nelle scorse settimane “l’azione di contrasto e prevenzione nei confronti dell’abusivismo commerciale a Ventimiglia sarà ulteriormente rinforzata e frequentemente ripetuta in coordinamento con tutte le forze di Polizia del territorio”.
Sono più di 30 gli operatori della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri, dei Vigili Urbani e della Guardia di Finanza che, anche nell’odierna giornata di mercato, coordinati dal Dirigente del Commissariato, sono entrati in azione all’alba attuando un vasto dispositivo di controllo straordinario interforze.
Non ha tentennamenti la “lotta” per garantire la sicurezza degli operatori del mercato e delle loro attività commerciali, messe a dura prova dalla filiera della contraffazione e della criminalità comune e/o organizzata che danneggia l’immagine del settore e, con una ingiusta concorrenza sleale, impoverisce le imprese che agiscono invece nella legalità.
Nelle intenzioni della Questura di Imperia rimane ben salda la volontà di non abbassare la guardia e di imporre il rispetto delle regole, che devono essere uguali per tutti, sostenendo con continuità e impegno i necessari servizi di prevenzione e repressione.
Era ancora notte quando gli Agenti hanno raggiunto le loro posizioni ai confini esterni del territorio comunale per individuare i venditori ambulanti illegali che, a quell’ora, tentano di raggiungere l’area del mercato utilizzando ogni possibile stratagemma per eludere i controlli.
Presidiate anche le stazioni ferroviarie, le uscite autostradali e l’Aurelia. Molteplici i controlli di Agenti in abiti civili sugli autobus.
Numerosi gli interventi effettuati durante tutta la giornata, in orari e aree differenti della città.
Come sempre l’azione è stata svolta con particolare discrezione ed evitando accuratamente l’uso della forza.
Gli sforzi profusi hanno consentito una giornata di mercato serena e ordinata per gli operatori commerciali, anche se le presenze sono rimaste sotto tono, considerato il venerdì festivo. Forse la giornata ventosa e fredda ha scoraggiato qualche visitatore di troppo,
Tra i risultati conseguiti la Polizia ha comunicato:
Tre gli stranieri accompagnati in ufficio;
Uno straniero non in regola con le norme sul soggiorno espulso e munito di ordine del Questore ad abbandonare il T.N;
Quattro i sequestri di tipo amministrativo, due contro persone note e due contro ignoti;
Quattro i sequestri penali contro ignoti;
800 circa gli articoli sottoposti a sequestro di cui 550 di carattere penale e 250 con procedura amministrativa.
Tra gli articoli in sequestro scarpe (alcune commercializzate solo molto recentemente), giubbini, borse, cinture, occhiali, tutti oggetti perfettamente somiglianti a quelli originali delle più famose e pregiate marche internazionali. E ancora custodie per smart-phone, braccialetti, accessori per telefoni portatili e altri per abbigliamento e ornamento.
Sequestrati anche circa 500 marchi in metallo riportanti il logo delle più prestigiose case di moda internazionali.
Due infine le sanzioni amministrative irrogate.