Confine Italia-Francia, ore 22:50. Una pattuglia di Finanzieri individua una coppia di automezzi sospetti: immediato il fermo di polizia finalizzato al controllo dei tre passeggeri.
Nel corso dei preliminari accertamenti effettuati dai militari, emergono subito i primi indici di rischio: precedenti per spaccio, traffico di droga, detenzione di armi, truffa…e un forte, fortissimo odore di marijuana all’interno degli abitacoli.
Tempestivo l’intervento del Pronto Impiego e delle unità cinofile del Corpo, in servizio presso la Compagnia di Ventimiglia: è stato necessario ricorrere agli attrezzi da meccanico per smontare, durante la notte, la carrozzeria delle due auto e trovare i quasi 8 kg di marijuana che erano stati occultati all’interno delle portiere e dei paraurti di uno dei due mezzi.
Il servizio si è concluso con 3 arresti ed il sequestro sia della droga che delle due Renault. Delle tre persone arrestate, giudicate il giorno stesso per “direttissima”, una è attualmente in carcere mentre gli altri due sono agli arresti domiciliari. L’attività, svolta nell’ambito dell’ordinario controllo economico del territorio demandato al Corpo, dimostra ancora una volta la versatilità operativa dei Finanzieri. I settori d’impiego spaziano infatti da quello tributario fino ai più gravi illeciti penali, non ultimo il traffico di sostanze stupefacenti. Ed è proprio in questo ultimo ambito che, soprattutto in una zona di confine quale è Ventimiglia, le Fiamme Gialle continuano a compiere ogni sforzo a tutela della legalità e a contrasto dei traffici illeciti.