I Carabinieri della Stazione di Dolceacqua hanno predisposto nella giornata di giovedì un servizio ad “alto impatto” finalizzato al controllo dei soggetti detentori di armi nei Comuni di competenza della Val Nervia.

Sono stati numerosi i controlli – scattati dalla mattina e proseguiti per tutta la giornata – effettuati per contrastare il fenomeno della detenzione illecita di armi, un settore nel quale la prevista normativa viene talvolta sottovalutata o anche ignorata da chi, per distrazione o volontariamente, omette soprattutto il rispetto delle prescritte comunicazioni o delle modalità di custodia.

Gli accertamenti esperiti hanno così consentito di identificare e trarre in arresto un 57enne del posto, già gravato da altri precedenti penali, destinatario di un provvedimento di carcerazione emesso da più di 1 mese dalla Procura di Asti per il quale deve scontare la pena di quasi 5 mesi di arresto poiché responsabile di possesso ingiustificato di armi od oggetti atti ad offendere.

I militari hanno anche deferito all’Autorità Giudiziaria un 75enne dolceacquino per aver omesso di comunicare alla Stazione Carabinieri l’avvenuto trasferimento, dalla precedente abitazione di Torino all’attuale residenza in paese, dei 2 fucili dei quali era regolarmente detentore; lo stesso, inoltre, dovrà rispondere altresì di omessa denuncia di smarrimento, in quanto gli stessi fucili trasferiti illegalmente sono stati poi successivamente smarriti in data e luogo imprecisati.

L’arrestato è stato trasferito presso la Casa di Reclusione di Sanremo, nella quale sconterà la pena prevista.

L’attività rientra nell’ambito dei servizi di prevenzione e controllo del territorio predisposti dai Carabinieri in tutti i Comuni del territorio.