Nicholas Costantini, centrocampista della ASD Imperia, guarda all’amichevole disputatasi nel pomeriggio di giovedì 13 con qualche ricordo del suo passato nel settore giovanile rosso blu. Un’ottima media realizzativa, per essere un centrocampista davanti alla difesa, con sette reti stagionali (6 in campionato 1 in Coppa Italia) sta facendo si che Costantini sia uno dei migliori della rosa nero azzurra. Infine un appunto sul campionato e sulla classifica.

Riguardo all’amichevole con il Genoa:
“Contro il Genoa non è mai una partita qualunque, ho passato sei anni a Genova dai 14 ai 20 anni, mi hanno fatto diventare il giocatore che sono, tanto lo devo a loro. Sono principalmente bei ricordi, con qualche pizzico di rimpianto, con un pò più di fortuna e abilità poteva essere qualcosa di diverso che invece non è stato, però è sempre una bella emozione tornare. L’amichevole lascia un pò il tempo che trova visto che la differenza fisica e qualitativa è abissale però credo che abbiamo fatto un buon primo tempo anche se loro hanno mantenuto i ritmi piuttosto contenuti, diciamo che è stato un allenamento come è giusto che sia. Credo che nel primo tempo abbiamo ben figurato anche con qualche occasione per fare gol, poi nel secondo tempo ci sono stati tanti cambi con i ragazzi della Juniores e credo che per loro sia stata una bella emozione”

Ottima media realizzativa, sette reti stagionali:
“Diciamo che nel mio unico campionato di eccellenza avevo fatto 14 reti, in serie D riuscivo a realizzare sette/otto reti stagionali  sfruttando le palle inattive. Nelle ultime partite sto giocando anche un po più avanti quindi spero di poter continuare a dare il mio contributo, ma sopratutto che la squadra ottenga gli obiettivi per cui stiamo lavorando”

Domenica arriva il Ventimiglia:
“Mi aspetto una partita combattuta ed equilibrata come tutte quelle che ci stanno capitando, è un campionato davvero equilibrato dove tutti possono vincere o perdere contro tutti. Loro ci terranno a fare bene, come noi, sono una squadra che sta facendo un buon campionato, si sono rinforzati con Daddi che è sicuramente un giocatore importante ma noi dobbiamo assolutamente portare a casa i tre punti per riuscire a rimanere attaccati alla parte alta della classifica sfruttando anche gli scontri diretti delle prime quattro(Cairese – Pietra Ligure, Genova Calcio – Rivarolese) con la possibilità di recuperare qualche punto”

Campionato ancora aperto?
“Direi di si, manca ancora tutto il girone di ritorno più due partite. Spesso i gironi di ritorno sono un altro campionato rispetto a quello d’andata, abbiamo sprecato qualche occasione di troppo e dobbiamo essere bravi a non commettere più alcuni errori. Squadre che possono ambire alla vittoria del campionato ce ne sono molte, specialmente con il calciomercato alcune si sono rinforzate come il Vado con Capra quindi vediamo cosa succederà”