Come se non bastasse il clima di perenne campagna elettorale che caratterizza in questa fase la vita del Paese, anche a livello locale, ci propone e ci costringe ad assistere allo spettacolo indecoroso della destra – benché mascherata da movimenti civici- che non solo si deve difendere dalle accuse di contiguità con ambienti in passato pesantemente DANNOSI per Bordighera, ma trova negli odi personali l’unico collante.
Inoltre ci lascia perplessi e non comprendiamo la differente valutazione del Sindaco e della sua maggioranza operata nei confronti di due persone elette con la sua lista. Qui non si tratta di inseguire atti penalmente rilevanti, ma di restituire alla politica moralità e buoni comportamenti. Come Giovani Democratici chiediamo al sindaco se ritiene opportuno che tra le file della sua maggioranza siano presenti persone con frequentazioni indiscutibilmente da evitarsi da parte di chi intende ricoprire una carica pubblica; soprattutto per una città come Bordighera che di tutto ha bisogno tranne che di ulteriore pubblicità negativa. Non possiamo assistere passivamente a tutto ciò, rendendoci complici del “silenzio assordante” di una società civile che, apaticamente, sembra ormai rassegnata. Chiediamo al sindaco e alla sua maggioranza di prendere pubblicamente le distanze da atti, comportamenti e personaggi conniventi, Bordighera e i suoi cittadini infatti non si meritano cinque anni di inerzia o, peggio ancora, di guerra di logoramento ma chiarezza e trasparenza.
Niccolò Grassano – segretario GD circolo intemelio