La grande svendita della sanità pubblica ligure ai privati lumbard ed emiliani è partita. Senza ascoltare nessuno e in barba alle opinioni di cittadini e comitati, l’assessore Viale è pronta a consegnare per 9 anni l’ABC della Sanità ligure (Albenga, Bordighera e Cairo) in mano alle aziende private, che si preparano a trasformare tre presidi sanitari chiave dell’imperiese e del savonese in un proprio asset a scopo di lucro.
Il tutto senza aver ancora spiegato, nel dettaglio, quali tipi di prestazioni passerebbero ai privati e quali resteranno al pubblico, quali controlli e vincoli saranno messi in atto per tutelare il diritto all’accesso alla salute libero, gratuito ed efficiente per tutti i liguri?
Domande sin qui programmaticamente inevase da parte dell’assessore Viale e che sono al centro di un’interrogazione del MoVimento 5 Stelle che discuteremo a breve in Consiglio regionale. Non ci rassegniamo ad assistere allo smantellamento della sanità ligure.
Andrea Melis, portavoce MoVimento 5 Stelle in Regione Liguria