Bordighera, disposta la riapertura del “Cavetu”. Renato Frezza: “Felice che sia stata appurata la verità”

“Di circa 250 ragazzi che frequentano abitualmente il Cavetu, solo una parte infinitesimale, non lo dico io, ma bensì le indagini svolte, era dedita all’acquisto di sostanze proibite. Tutti gli altri, non la maggioranza, bensì la stragrande maggioranza, sono ottimi ragazzi” sostiene Frezza