Anche tra i cittadini imperiesi c’è sempre maggiore fiducia verso i pagamenti digitali. Un cambiamento culturale importante nelle abitudini di spesa di tutti gli italiani, accelerato dall’emergenza sanitaria in corso.
Per accompagnare la transizione verso i pagamenti digitali, Poste Italiane svolge un ruolo cruciale attraverso le carte PostePay, già nelle tasche di circa 336 mila liguri (168 mila nella versione standard e 167 mila in quella Evolution).
Nei primi 9 mesi del 2020 sono già 43 mila i cittadini della regione che hanno scelto di attivare una PostePay per le loro operazioni.

A partire da martedì 8 dicembre, inoltre, ha preso il via il piano cashback, la misura del governo finalizzata ad incentivare l’uso della moneta elettronica, che garantisce la restituzione direttamente sul conto corrente del 10% delle somme spese.
I 336 mila clienti PostePay della Liguria così come i titolari di carte BancoPosta potranno partecipare al cashback registrando le proprie carte sulle App PostePay e BancoPosta in alternativa alla procedura di registrazione tramite Spid sull’App “IO”.
Inoltre, grazie all’iniziativa Postepay Cashback, dall’8 dicembre al prossimo 28 febbraio, tutti cittadini che effettueranno pagamenti, con l’App Postepay attraverso il sistema “Codice Postepay” presso tutti gli Uffici Postali e gli altri punti vendita convenzionati con questa nuova modalità di pagamento tramite codice QR, riceveranno un ulteriore contributo di 1€ per transazioni superiori a 10€.
In questo contesto Poste Italiane è impegnata ad accompagnare tutti gli italiani verso forme di pagamento più evolute, con l’obiettivo di portare verso il digitale le fasce di popolazione che oggi ancora non utilizzano questi sistemi di pagamento. L’Azienda, ad esempio, sta sviluppando una serie di servizi innovativi disponibili attraverso l’App Postepay, tra cui quello che consente di pagare semplicemente inquadrando un QR code nei negozi convenzionati.

A livello nazionale Poste Italiane gestisce circa 22 milioni di carte PostePay con le quali, nel corso del 2019, sono state effettuate circa 1.4 miliardi di transazioni, arrivando a rappresentare circa il 25% di tutto il mercato e-commerce nazionale.

“Ci consideriamo un operatore over the top italiano perché circa il 50% dei clienti Postepay non sono clienti di Poste, ma correntisti di altre banche che utilizzano sempre più le nostre carte – spiega l’Amministratore Delegato di Poste Italiane, Matteo del Fante – ora sta crescendo il fronte dei pagamenti digitali, ma all’inizio i clienti hanno scelto le nostre carte per l’e-commerce, sulle qualii con la pandemia abbiamo registrato una forte crescita: un incremento del 40%. È importante sottolineare che nel nostro Paese il 25% delle transazioni per e-commerce sono fatte con carte Postepay”.

L’offerta di servizi evoluti di Poste Italiane si inserisce in uno scenario di mercato che si sta indirizzando sempre più verso forme di pagamento digitali. Di particolare rilevanza, anche a causa della pandemia, è stato l’aumento delle transazioni contactless, cresciute nel 1° semestre 2020 del 17% e per le quali si stima che venga raggiunto un valore tra i 74 e gli 80 miliardi di euro alla fine del 2020.