Visita al carcere di Imperia da parte del segretario nazionale per la Liguria Michele LORENZO. La visita è prevista per le ore 10 del 26 marzo e serve per raccogliere ogni elemento utile per diagnosticare il futuro del carcere di Imperia.
Spiega il segretario LORENZO – stiamo ricevendo troppi segnali di disattenzione da parte dell’amministrazione penitenziaria del Provveditorato interregionale di Torino, Abbiamo più volte segnalato gravi carenze d’organico sia nei ruoli degli agenti assistenti e sia nei ruoli degli ispettori senza ottenere alcuna risposta o segnali d’interessamento.
Il quadro che emerge non è dei più rosei, la popolazione detenuta è arrivata a toccare le 102 presenze a fronte delle 53 previste. Un sold out che potrebbe significare che ulteriori ingressi non troverebbero il posto letto. Invito chiunque a valutare se questa condizione riconduce al concetto di dignità.
Il tasto dolente è l’endemica carenza di personale ridotto a poco più di 50 unità che per fronteggiare la criticità lavorativa ricorrono a estenuanti turni di straordinario.
La Polizia Penitenziaria deve garantire anche il controllo dei detenuti ricoverati presso l’ospedale cittadino il che significa un’ulteriore diminuzione della sicurezza interna.
L’esito della visita sarà spiegata, presumibilmente alle 11,30, in una conferenza stampa davanti al penitenziario d’Imperia.