“Il dispositivo di controllo del territorio che precede il Festival di Sanremo 2018 è paragonabile a quello messo in atto per le visita del Papa o del Presidente della Repubblica” dice il Questore di Imperia, Cesare Capocasa.
Allargamento della “zona rossa”, videosorveglianza con 327 telecamere collegate alla sala operativa del commissariato; doppie transenne nell’area del red carpet e dell’Ariston che avranno gli accessi controllati con metal detector. Ogni giorno, per 24 ore, la città sarà presidiata da 250 agenti e militari. Per la prima volta ci sarà anche la tecnologia “Mercurio”: telecamere montate su auto di pattuglia della polizia che inviano immagini e filmati in tempo reale alla centrale di Sanremo e a Roma.