Una croce formata da due remi incrociati simbolo di chi muore di speranza. Davanti a questa croce si sono raccolti a Ventimiglia nella Cattedrale di Nostra Signora Assunta persone che hanno preso parte alla veglia di preghiera organizzata dalla Comunità di sant’Egidio di Genova e dalla diocesi, veglia durante la quale sono stati ricordati i profughi morti in mare e nel viaggio verso l’Europa. L’evento ha visto la partecipazione di diversi migranti, soprattutto donne ospiti della chiesa delle Gianchette e di esponenti di Croce Rossa e Caritas. Sono stati letti i nomi di alcuni scomparsi e accese candele in ricordo delle vittime. Alla veglia, presieduta da don Luca Salomone, hanno partecipato don Rito Alvarez della chiesa di Sant’Antonio e padre Alexis Bassoma, originario del Togo e residente a Genova della Società Missioni Africane (Sma).