Rosario Marcianò, 56enne originario di Saviano (Napoli) ma da tempo residente a Sanremo, è stato condannato a pagare 30 mila euro per aver diffamato una coppia di sanremesi.
Marcianò è noto per essere tra i sostenitori dell’esistenza delle scie chimiche e per aver affermato che la vittima italiana del Bataclan, Valeria Solesin, non sia mai esistita.
Di recente se l’è presa con un autista della Riviera Trasporti e la moglie. La coppia era stata anche vittima di atti vandalici (auto danneggiate), come scrive Paolo Isaia sul “Secolo XIX”.