Sanremo, “Timbrare in mutande non è reato”: le motivazioni dell’assoluzione dei dipendenti del Comune

In 319 pagine il giudice Paolo Luppi spiega perché ha assolto 10 impiegati del Comune di Sanremo, presunti furbetti del cartellino fra cui il celebre vigile in mutande