A Vallecrosia un figlio ha potuto riabbracciare dopo un anno, l’anziana madre ricoverata a “Casa Rachele”, grazie a una “stanza degli abbracci” inaugurata oggi pomeriggio e intitolata a Monica Ligustro, morta per Covid a 46 anni. Monica, che faceva parte dell’associazione Aceb presieduta dal marito Stefano Urso aveva espresso l’intenzione di acquistare la “stanza”, quand’era in vita. Maurizio oggi ha potuto finalmente riabbracciare la mamma Rosina Tiesi, di 87 anni. Nella stanza le maniche sono state realizzate nello stesso tessuto delle culle termiche. Hanno una forte trasmissibilità tattile e l’abbraccio sembra reale.