“Sono passati 5 mesi dell’ultima alluvione in Liguria con gravi danni in provincia di Imperia. Ho scritto al nuovo capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio, per metterlo in guardia sull’iter burocratico farraginoso che eredita dalla precedente gestione e che ha lasciato senza un euro di ristoro i comuni colpiti. Sulla carta ci sono circa 7 milioni, pochi rispetto ai danni, ma rimasti comunque solo sulla carta. Servono quelle risorse insieme ad altri fondi per i piccoli comuni dell’entroterra. Strade, ponti, edifici sono ancora devastati perché le casse sono vuote. Da Curcio ci aspettiamo una risposta in tempi brevi alle domande di rimborso che privati e imprese hanno correttamente presentato”. Lo dice in una nota il deputato ligure Flavio Di Muro.