Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti su Rai 2 ha replicato alle proteste dei ristoratori di Sanremo: “La Regione non ha ‘cambiato idea due volte’ negli ultimi giorni sulle restrizioni a Sanremo, come sostengono i ristoratori. Al termine dell’ordinanza nazionale che riportava la regione in giallo da lunedì non è intervenuta con una ordinanza regionale restrittiva come fatto per Ventimiglia nella speranza che ciò potesse consentire proprio a quei signori che protestano oggi di poter fare almeno una settimana in zona gialla. Quando la curva del contagio di Sanremo ha raggiunto quella del distretto vicino molto colpito, non c’è stato nulla di altro da fare che adeguare le misure. Non si poteva fare diversamente, ha sottolineato. Toti ha detto di aver chiesto che gli indennizzi e i ristori non tengano conto solo dei mancati guadagni ma anche di quanto speso dai piccoli commercianti e imprenditori per le riaperture e le chiusure. “Se non vi sarà completa soddisfazione si proverà a trovare fondi regionali per risarcire in qualche modo i ristoratori di Sanremo” ha concluso Toti.