“Il buonsenso ha prevalso: dopo 2 settimane in zona arancione la Liguria dalla mezzanotte di domenica tornerà in fascia gialla. Sono contento che il Governo abbia ascoltato la nostra voce è interpretato il Dpcm in modo ragionevole.”. Il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti fa il punto sulla situazione coronavirus in Liguria.
“La zona gialla scatterà dalla mezzanotte tra domenica e lunedì perché l’ordinanza del ministro della Salute che inseriva la Liguria in zona arancione scadrà il 31 gennaio, e non verrà rinnovata. Il lavoro delle Regioni ha evitato che si applicasse una interpretazione del Dpcm che avrebbe previsto una ulteriore settimana di zona arancione prima di tornare in giallo, perché altre volte il Comitato tecnico scientifico ha valutato i 14 giorni di zona arancione a partire dalla prima cabina di regia di monitoraggio dopo l’ordinanza – spiega Toti- Una interpretazione di questo tipo avrebbe costretto la nostra regione a restare in arancione fino alla domenica successiva. Le regioni hanno fatto sentire la loro voce, e grazie al nostro lavoro si instaura un meccanismo che consentirà anche se dovessimo passare altre volte da arancione a giallo a causa dei mutamenti dei dati dell’epidemia, che questo non avvenga più dopo una tranche di tre settimane, ma a blocchi di due. Come è noto i parametri sono stati modificati per rendere più semplice passare da zona gialla a zona arancione in caso di peggioramento dei contagi, ora grazie al lavoro dei presidenti di regione è divenuto più semplice passare da arancione a giallo”.
“Siamo felici che da lunedì mattina bar e ristoranti potranno cominciare a fare il loro lavoro – aggiunge Toti – Ovviamente speriamo adesso che questa condizione possa durare a lungo: dipenderà anche da noi e dai nostri comportamenti”.

“Sul fronte dei vaccini – prosegue Toti – dalle opposizioni c’è chi ha scritto che avremmo somministrato vaccini fuori dal personale sanitario. Non è vero: basterebbe leggere gli atti di indirizzo del Parlamento e le indicazioni fornite dalla struttura commissariale per sapere che le persone non di professione sanitaria che frequentano gli ospedali e le Rsa sono comunque incluse nella fase 1 di vaccinazione perché l’obiettivo è proprio sterilizzare i cluster in questi luoghi: è ovvio quindi che rientrino nella fase1”.
“Dal nostro punto di vista andiamo avanti con la programmazione, sperando che i ritardi nelle consegne si recuperino e si possa accelerare con la fase due per gli over 80 che vivono fuori dalle Rsa. Le nostre Asl e Liguria digitale saranno pronti a partire per questa fase dal 13 febbraio: peraltro, si è tenuto una importante riunione proprio per definire i meccanismi di prenotazione, stamani si terrà un muovo vertice col Governo sui ritardi nelle consegne delle dosi”.