“Conte-Pd-M5s concentrati sulla sicurezza contro il virus hanno parcheggiato definitivamente il tema della sicurezza in città. L’immigrazione incontrollata a cui ci ha condannato il governo Conte bis sta arrivando al limite della sopportazione. La situazione a Ventimiglia, come nelle altra città di confine, è in continuo peggioramento. Il coprifuoco a causa della pandemia viene rispettato solo dai residenti. Sempre più immigrati dormono per strada in accampamenti improvvisati. Il degrado è evidente: le strade sono sempre più pericolose, le risse ormai all’ordine del giorno. I sindaci sono stati abbandonati dal governo impegnato in un teatrino ignobile. Anche grazie a un mio emendamento, verranno riconosciute risorse economiche a Ventimiglia su risanamento ambientale e messa in sicurezza di alcune zone. Servono fatti e servono in fretta. Con Matteo Salvini al Viminale degrado e insicurezza erano scesi in tutte le zone di confine grazie a una chiara e ferma politica sull’immigrazione. I numeri oggi sono evidenti: nel corso del 2020 sono stati oltre 20mila i migranti presi in carico dalla polizia italiana a Ponte San Luigi al confine con la Francia. Sono numeri che non riusciamo più a gestire. In attesa che si chiarisca la situazione a Palazzo Chigi, ho preparato un’interrogazione parlamentare e mi sto attivando col Comitato bilaterale Schengen per arrivare a una soluzione. I ventimigliesi meritano un governo forte e responsabile per tornare a vivere e lavorare serenamente in sicurezza, non solo per gli effetti della pandemia ma anche per la gestione di una immigrazione irregolare ora fuori controllo”.
Lo ha scritto in una nota il deputato ventimigliese Flavio Di Muro della Lega.