Torna l’importante argomento sulla gestione dei parcheggi cittadini. La soluzione che il sindaco ha proposto alla maggioranza che si è tenuta martedì sera, una proposta aperta ai suggerimenti che i consiglieri daranno e quindi migliorabile, è quella di realizzare un progetto innovativo in cui l’elemento tecnologico per la gestione dei parcheggi e quindi del pagamento delle tariffe sia unitario con il progetto della gestione green della città, capace di creare una movimentazione sostenibile e che aumenti la qualità della vita dei cittadini, un progetto innovativo che vada oltre la gestione dei soli parcheggi ma che prevede investimenti importanti anche sulla mobilità tra i nuovi parcheggi delle aree ferroviarie e le attività commerciali esistenti del centro cittadino e dei punti di attrazione turistica della città. Ragionare sul corretto modo di gestire il nuovo parcheggio di Corso Genova, come parcheggio centrale della città con oltre 850 posti auto sui 1.100 parcheggi che verranno realizzati, permetterebbe di dismettere almeno una fila di parcheggi in alcune vie principali cittadine (Corso Genova, Via Cavour, Via Aprosio, Via Repubblica, ecc.) creando, immediatamente, una corsia preferenziale utile alla circolazione di un certo numero di navette elettriche, in grado di collegare il parcheggio di Corso Genova e gli altri nuovi parcheggi con le vie del centro, sino al porto, alla frazione di Roverino e ad altri punti turistici di maggiore attrazione. Vie preferenziali cittadine utilizzabili dalle navette elettriche ma anche dalle biciclette.
Il modo per attuare quanto sopra, potrebbe passare, attraverso una proposta di partenariato pubblico privato, una finanza di progetto di iniziativa privata su linee guida pubbliche.
L’amministrazione definisce delle linee guida, tipo quelle sopra indicate o maggiormente approfondite, che rende pubbliche attraverso un avviso pubblico. Dopo si attende un tempo adeguato per comprendere se ci sono privati disposti a presentare una proposta. Esaminata la proposta ed effettuati i necessari miglioramenti della stessa, dopo la sua approvazione, si procederà con una gara pubblica. Un cambiamento epocale per città che la Giunta Scullino non vuole perdere.