ISEE da rinnovare subito per pensione e reddito di cittadinanza e i bonus erogati a vantaggio dei nuovi nati: lo ricorda l’INPS in una nota.
La dichiarazione ISEE, puntualizza infatti l’Istituto nazionale di previdenza, ha validità fino al 31 dicembre dell’anno in cui è stata presentata. Tutti i beneficiari del reddito o pensione di cittadinanza che hanno presentato la DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) nel corso del 2020 devono pertanto rinnovarla entro il 31 gennaio 2021 per non perdere la continuità nel pagamento della prestazione.
Le prestazioni del corrente mese di gennaio, sottolinea Inps, sono riferite ai redditi di dicembre 2020 e saranno pertanto messe in pagamento per tutti i beneficiari. A partire dal mese di febbraio 2021, invece, il calcolo dei redditi e pensioni di cittadinanza sarà riferito alle DSU valide del mese di gennaio 2021 e sarà quindi necessario disporre di un ISEE aggiornato. In presenza dei presupposti di legge, il nucleo potrà presentare la DSU per ISEE corrente previa presentazione della DSU per ISEE ordinario. Le dichiarazioni ISEE presentate a partire dal 1° gennaio 2021 avranno validità fino al 31 dicembre 2021.
Il rinnovo dell’ISEE, ricorda l’INPS, è fondamentale per continuare a percepire anche tutte le numerose prestazioni assistenziali e bonus previsti dalla normativa vigente.
Dove richiedere l’ISEE
L’Isee può essere richiesto presso i CAF, i centri di assistenza fiscale. Il CAF CNA, ad esempio, assiste i cittadini nella compilazione della dichiarazione ISEE necessaria alla richiesta di prestazioni sociali agevolate e rilascia apposita attestazione DSU.
Attraverso il CAF CNA ed il Patronato EPASA-Itaco è inoltre possibile, in modo totalmente gratuito, richiedere assistenza per:
l’assegno di maternità
bonus bebè
bonus nido
le riduzioni delle tasse universitarie
le agevolazioni tariffarie per gli asili nido comunali, la refezione scolastica
le case di riposo e l’assistenza domiciliare
gli affitti agevolati
l’esenzione per i ticket farmaceutici
I documenti necessari
I documenti necessari per calcolare l’ISEE non sono pochi, serve quindi un po’ di tempo per metterli insieme. Ecco che cosa predisporre:
Redditi di tutto il nucleo familiare (Modello CUD, 730, UNICO)
Patrimonio immobiliare: rendite catastati immobili posseduti da tutto il nucleo (visure catastali)
Mutuo residuo al 31/12 pendente su qualsiasi immobile
Patrimonio mobiliare: saldo residuo di c/c bancari/postali e giacenza media, assicurazioni vita, BOT, CCT, etc. al 31/12 posseduti da tutto il nucleo
Codici fiscali di tutto il nucleo familiare
Stato di famiglia
Permesso di soggiorno (per cittadini extracomunitari)
Certificato di invalidità (se pari o superiore al 66%)
Contratto affitto registrato per immobile di residenza
A chi rivolgersi
Per consulenze ed informazioni, è possibile contattare o recarsi, previo appuntamento, presso i punti CAF CNA Imperia e presso le sedi del PATRONATO EPASA ITACO Imperia:
UFFICIO PROVINCIALE Via San Francesco, 7 – 18100 Imperia – Telefono: 0183.292684 – Email: imperia@epasa-itaco.it
UFFICIO ZONALE DIANO MARINA Via Genova, 7 – 18013 Diano Marina (IM) – Telefono 0183.498979 – Email: dianomarina@epasa-itaco.it
UFFICIO ZONALE SANREMO Via B. Asquasciati, 12 – 18038 Sanremo (IM) – Telefono: 0184.500309 – Email: sanremo@epasa-itaco.it