La Sanremese, alla luce di quanto accaduto sabato 31 ottobre in prossimità dell’inizio della partita casalinga con il Derthona, ed in modo particolare in merito alla vicenda che ha visto coinvolto il Sig. Marco Del Gratta, ha piacere di precisare quanto segue al fine di evitare fraintendimenti o strumentalizzazioni.

In nessun caso la volontà della Società era quella di offendere la Polizia di Stato intesa come Istituzione nè il Comune di Sanremo che si sta adoperando per ripristinare quanto prima l’utilizzo della Tribuna dello Stadio Comunale. Con entrambi, infatti, il rapporto è sempre stato e sempre sarà orientato al reciproco rispetto ed alla fattiva collaborazione. Ci si rammarica se, anche a causa della concitazione post partita, alcune dichiarazioni possano essere sembrate in contrasto con quanto sopra, poiché certamente non era quella nè l’intenzione nè l’intimo spirito con cui sono state rilasciate.

Confidando di aver fatto chiarezza su una questione che stava assumendo una portata certamente esagerata, ci auguriamo che il tutto, da ambo le parti, possa dirsi concluso, con l’impegno, da parte nostra, ad una maggiore attenzione alle prescrizioni pendenti sull’impianto, per quanto a volte difficilmente compatibili con la pratica sportiva, e ad ogni altra disposizione.

Allo stesso modo auspichiamo, in futuro, di ricevere una più attenta comunicazione, orientata al reciproco rispetto e con quel pizzico di sensibilità che riteniamo meriti chi, quotidianamente, investe le proprie risorse, umane ed economiche, per far sì che la Sanremese prosegua nel suo glorioso percorso sportivo.