E’ calato ufficialmente il sipario di questa travagliata stagione degli Assoluti d’Italia-Coppa FMI/Coppa Italia Maxxis Ufo Plast di Enduro che hanno visto l’atto finale prendere vita ad Arma di Taggia.
E’ stato ancora una volta un weekend carico di battaglia con i piloti del tricolore che hanno animato le prove speciali ed i vertici di classifica a suon di gas. Dopo un sabato emozionante ed il primo titolo della stagione vinto da Matteo Cavallo nella 450, gli occhi oggi erano tutti concentrati sull’Assoluta e sulle altre classi.
A contendersi il titolo della generale Steve Holcombe (Beta) e Thomas Oldrati (Honda Redmoto) che, dopo la gara di ieri, si trovavano a 9 punti di distacco. La prova odierna ha visto Oldrati protagonista dei vertici della generale, mentre Holcombe ha cercato di amministrare il suo vantaggio non rischiando troppo anche in vista dei prossimi appuntamenti mondiali.
Come detto Thomas Oldrati è stato protagonista della classifica assoluta, lottando per tutto il giorno con Brad Freeman. I due si sono contesi la vetta della classifica a suon di centesimi con la vittoria andata dopo aver battagliato in nove speciali a Brad Freeman che mette ufficialmente la sua firma sulla tappa ligure. Oldrati conclude al secondo posto, separato di 5 secondi dal brittanico, mentre la terza posizione è stata conquistata di Josep Garcia su KTM.
Completano la top five Andrea Verona e Daniel McCanney, rispettivamente su TM e Honda Redmoto.
La gara, magistralmente diretta dal Motoclub Sanremo che, nonostante le tante difficoltà del momento è riuscito ad organizzare un evento in totale sicurezza per tutti i partecipanti e per la cittadinanza, è stata determinante per l’assegnazione dei titoli nazionali.
Nell’attesa classifica generale, lo scettro di miglior pilota della stagione 2020 è andato a Steve Holcombe, vincitore per soli due punti sull’azzurro Thomas Oldrati e sei sul connazionale Brad Freeman.
Holcombe, oltre che alla medaglia d’oro FMI, si aggiudica la tabella di Campione 24mx ed il Trofeo Mika Ahola, che ritorna nelle sue mani dopo due anni.
Nella 125 Tommaso Montanari (KTM TNT Corse) si aggiudica la gara ed il campionato vincendo su Giuliano Mancuso (Fantic D’Arpa), suo diretto avversario, e Lorenzo Bernini (KTM TNT Corse). Con sette vittorie su otto giornate di gara a fare suo il titolo della 250 2t è Davide Soreca (Beta Boano) che festeggia la vittoria con una splendida prima posizione nella gara di casa. Alle sue spalle in campionato il compagno di squadra Deny Philippaerts, mentre il terzo posto è andato a Maurizio Micheluz (Husqvarna Osellini).
Davide Guarneri (TM E50) mette la firma sul tricolore della classe 300 conquistando la prima posizione davanti a Rudy Moroni (KTM Proracingsport) e Gianluca Martini (Beta). I tre hanno infuocato le speciali liguri terminando nella classifica di giornata raggruppati in soli tre secondi!
Nella 250 4t il duello Oldrati-Verona per la conquista del titolo nazionale è andato al pilota bergamasco di Honda Redmoto che batte il veneto della TM distaccandolo oggi di otto secondi. Il terzo posto di giornata è andato a Michele Musso (Sherco) mentre in campionato la medaglia di bronzo va a Patrick Grigis (KTM).
Nella 450 un problema alla catena ha relegato il neo campione italiano Matteo Cavallo (Sherco) al quinto posto; la prima posizione è stata conquistata da Manuel Monni (Husqvarna Osellini) che non poteva festeggiare meglio il suo addio alle corse! Quella di Arma di Taggia è stata infatti l’ultima gara ufficiale per il pilota delle Fiamme Oro che appende cosi il casco al chiodo.
Battaglia tutta in casa Beta Boano per la conquista del titolo della Junior con Lorenzo Macoritto e Matteo Pavoni a contendersi il campionato. Nonostante la vittoria di giornata per Pavoni, ottenuta rifilando ben 17 secondi al compagno di squadra, la prima posizione nella generale è andata a Macoritto che si laurea cosi campione italiano 2020. Il terzo posto è andato a Enrico Zilli su Honda.
Nonostante lo zero fatto registrare nel day2 di Carsoli, Claudio Spanu si aggiudica la Youth, la categoria riservata ai giovani in sella alla 125 2t.
Il pilota sardo del team Husqvarna Osellini conquista il tricolore davanti a Riccardo Fabris e Matteo Grigis, rispettivamente su Fantic del Team JET Racing e su KTM del motoclub Sebino.
Ed è proprio il club bresciano a mettersi al collo la medaglia d’oro come migliore squadre degli Assoluti d’Italia 2020. Il motoclub capitanato da Costante Bontempi vince il campionato davanti al G.S. Fiamme Oro Milano e al Motoclub Lago d’Iseo. Tra i Team Indipendenti fa sua la classifica finale il Team Husqvarna Osellini, primo sul Team Diligenti Racing e sul Team Fantic JET Racing.
Non sono state da meno le battaglie nella Coppa FMI con tutti i protagonisti separati da pochissimi punti nella generale di campionato. Nella 2t un solo punto (ed un solo secondo in gara!) ha diviso i due contendenti, Daniele Delbono (KTM) e Michael Pogna (Sherco). Il podio finale ha visto sul gradino più alto Delbono, seguito dallo stesso Pogna e da Nicolò Paolucci (KTM).
Nella 4t la medaglia d’oro come miglior pilota della stagione è andata a Francesco Tengattini (KTM Proracingsport), primo classificato davanti a Patrick Grigis (KTM) e Alberto Besagno (Husqvarna). La giornata ha visto Tengattini e Grigis fare loro le prime due posizioni del podio ed il terzo posto andare a Davide Dall’Ava (KTM).
Nella Coppa Italia mancavano da assegnare le categorie Cadetti, Junior e Major.
Davide Pitzoi (Sherco) si aggiudica la classe Cadetti grazie ai 126 punti conquistati nell’arco delle otto prove disputate. Alle spalle di Pitzoi terminano Nicolò Lolli (KTM) e Federico Magri (Beta). Nella Junior sale sul gradino sul alto del podio della generale del tricolore Andrea Manarin (TM ), primo davanti a Cristian Cervetto (KTM) e Diego Patelli (KTM). Nella Major Simone Fiaccadori (KTM) conquista il campionato grazie a una splendida doppietta in terra ligure. Alle spalle di Fiaccadori concludo, sia in gara che nel tricolore, Agostino Volpi (Honda) e Eros Bordoli (KTM).
Con una performance strepitosa, Thomas Oldrati riesce all’ultima giornata ad agganciare la prima posizione dell’X-CUP Motocross Marketing-Galfer strappando la vittoria a Steve Holcombe, al comando fino a ieri. Oldrati si conferma l’uomo extreme e fa suo il titolo di miglior rider per il secondo anno consecutivo.
A conquistare la classifica del Trofeo Airoh Cross Test, portandosi a casa un bellissimo casco Airoh Helmet, è il brittanico Joe Wootton che ad Arma di Taggia. Conclusa anche la prima edizione del Trofeo Eleveit, il trofeo riservato ai giovani piloti degli Assoluti d’Italia. A diventare pilota ufficiale Eleveit per la stagione 2021 è Riccardo Fabris.
Tutti i piloti, motoclub e team protagonisti della stagione sono stati premiati ufficialmente oggi con la cerimonia di Premiazione dei Campioni Italiani Enduro, trasmessa in diretta streaming sui canali social Facebook e Youtube di Italiano Enduro.
Alla cerimonia erano presenti Giulio Romei, presindente Co.Re. Liguria, Nico Bignami, presidente di Giuria FMI e Marcella Consonni, delegato dei commissari di gara. Alle premiazioni di giornata hanno invece preso parte diverse autorità locali tra cui il sindaco di Taggia Mario Conio e l’assessore al turismo, trasporti e lavoro della Regione Liguria Gianni Berrino.
Spente le luci sul Campionato Assoluti d’Italia-Coppa FMI/Coppa Italia Maxxis Ufo Plast 2020, attendiamo ora l’epilogo del tricolore Major con l’ultima tappa in programma il 22 novembre a Rapolano Terme (SI).
Con il massimo campionato invece, arrivederci al 2021.