Il Ministero della Salute con nota specifica ha precisato che nel settore degli integratori alimentari, ad oggi, l’armonizzazione è prevista solo per l’impiego di vitamine e minerali e non per le altre sostanze ammesse, come la caffeina, per la quale non è pertanto definito a livello europeo un limite di apporto.   
L’EFSA, nella “Scientific opinion on the safety of caffeine” del 27 maggio 2015, (in allegato opuscolo guida EFSA-Ministero della Salute) fornisce precise indicazioni sulla sicurezza dell’assunzione alimentare di caffeina. Per il consumatore medio adulto l’assunzione giornaliera da tutte le fonti non dovrebbe superare i 400 mg, di cui non più di 200 mg con una singola razione. Nella donna in gravidanza e durante l’allattamento l’apporto giornaliero complessivo di caffeina non dovrebbe superare i 200 mg.
   
Queste indicazioni rappresentano una base scientifica comune a livello UE per definire il limite di impiego della caffeina negli integratori alimentari ad un duplice fine: evitare apporti superiori ai 200 mg con una singola razione e consentire di non superarne una assunzione giornaliera complessiva di 400 mg, dato il largo impiego di altre fonti alimentari della sostanza tra le abitudini dei consumatori.

Secondo quanto previsto dal regolamento (UE) 1169/2011 nell’allegato III, punto 4.2, di cui al link:
https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:02011R1169-20140219

gli integratori alimentari contenenti caffeina devono riportare in etichetta che l’impiego non è raccomandato per i bambini e durante la gravidanza. Si ritiene che tale avvertenza debba comprendere anche l’allattamento, visto quanto prescritto per gli altri alimenti contenenti caffeina al punto 4.1 del citato allegato e le successive valutazioni dell’EFSA sull’analogia con la gravidanza dei livelli di assunzione sicuri della sostanza.

La questione è stata sottoposta alla valutazione della Sezione dietetica e nutrizione (SDN) del Comitato tecnico per la nutrizione e la sanità animale, la quale ha convenuto di fissare in 200 mg l’apporto massimo giornaliero di caffeina con gli integratori alimentari. Di conseguenza tale disposizione è inserita nelle linee guida ministeriali sugli integratori alimentari di cui all’articolo 5 del decreto legislativo 21 maggio 2004, n. 169  di cui al link:
https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2004/07/15/004G0201/sg

A livello nazionale resta fermo in 320 mg/l il livello massimo ammesso di caffeina negli energy drink, stabilito con la Circolare 3 aprile 1998, n. 5 (G.U. 04/05/1998), di cui al link
https://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=1998-05-04&atto.codiceRedazionale=098A3659&elenco30giorni=false

Caffeina negli Alimenti
Bevande Contenuto in caffeina
CAFFE’ 85 mg (una tazzina).
COCA-COLA 35-40 mg (una lattina)
THE 28 mg/150 ml (tanto maggiore quanto più lungo è l’infuso)
CACAO 100 mg/100 g
RED BULL 30 mg/100 ml