Buongiorno. Vorrei innanzitutto augurare una pronta guarigione alla persona riscontrata positiva, oggi su questo virus si è più pronti e preparati e tutto volgerà al meglio. Ne approfitto anche per portare a vostra conoscenza la storia di mio padre, finora l’unico positivo a Pigna. Ospite della Residenza Isnardi ad inizio maggio viene riscontrato positivo. La perizia degli OSS ha permesso di circoscrivere un’eventuale contagio isolando subito mio padre. Ma da quel 4 Maggio di tempo ne è passato e lui non è ancora rientrato in struttura. Prima il ricovero a Sanremo per circa un mese, poi alla San Michele ad Albenga per un periodo simile, al secondo tampone negativo viene mandato in EMERA Villa Julia a Sanremo, ma dopo pochi giorni un tampone di controllo torna positivo. Nuovo ricovero a Sanremo al Castillo, dove è attualmente ricoverato in condizione di negatività in attesa che venga allestita l’area buffer alla Residenza Isnardi. Non posso abbracciare mio padre dal mese di Marzo e sinceramente non so quando potrò tornare a farlo, anche perché ad oggi non esiste una direttiva che ipotizzi un ritorno alle visite di conforto. Mi premeva far sentire la mia vicinanza alla famiglia Martini, perché se ne è venuto fuori mio padre ad 83 anni, cieco e prostrato dall’isolamento familiare, anche per il loro congiunto andrà tutto bene. Non esistono realtà sociali dove il Covid  non si manifesta. Le persone per esigenze quotidiane si spostano, e questo ne fa il miglior veicolo di circolazione del virus. Per cui ancora auguri ai miei paesani e un abbraccio infinito agli OSS della Isnardi.

Fabio Ferrero