“Ventimiglia è balzata alle cronache in questi ultimi giorni per la presenza di militari armati sulle spiagge. In una estate già particolarmente segnata sia nel turismo che nell’economia, la diffusione di tale situazione ha generato grande fonte di preoccupazione. Allo stesso tempo viene da chiedersi perché l’esercito non sia impiegato con la stessa presenza alla stazione di Ventimiglia, porta di accesso della Liguria dove lo scenario è quello di  grande degrado e assenza di controlli. In questa immagine, che rappresenta la quotidianità nella stazione della città di confine, si rappresenta la contraddizione di un Governo che proroga lo Stato di emergenza e poi sul territorio, anche a causa degli sbarchi fuori controllo, non fa rispettare alcuna misura. Assembramenti, situazioni surreali e addirittura una casetta di fortuna costruita con i cubicoli dei cavi elettrici: questo è il modo in cui il governo gestisce i flussi incontrollati, senza alcun rispetto della dignità delle persone ed offrendo un’immagine di assenza di sicurezza per i cittadini e per i turisti”. Così commenta il vice presidente e assessore alla sanità della Regione Liguria, Sonia Viale.